You are here::
 
 
News
Messaggio lanciato ai modenesi

Cari modenesi,il carnevale si avvicina e come ormai da diversi decenni la Società del Sandrone si sta attrezzando per redigere il tradizionale " sproloquio " da regalare ai cittadini dal balcone di piazza Grande.

Per costruire al meglio per il prossimo 7 febbraio ( giovedì grasso 2013 ) tale importante momento chiediamo ai modenesi di proporci interessanti suggerimenti relativi ad avvenimenti di pubblica amministrazione locale accaduti in questo 2012 che possono esserci sfuggiti al fine di trasformarli nelle sagaci affermazioni della famiglia Pavironica da parte dei nostri esperti dialettali.

Utilizzando il nostro indirizzo di posta elettronica " Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. " contiamo di ricevere preziosi titoli che provvederemo ad elaborare.

Grazie a quanti vorranno darci una mano.Sandrone,Pulonia e Sgorghiguelo.

 
A tutti i navigatori interessati alla Società del Sandrone

Attraverso la sua postazione tecnologica la Società del Sandrone annuncia la campagna tesseramento per il 2012.

Il costo dell'adesione rimane invariato a € 30 (trenta)/anno e offre ai soci la possibilità di:

1) frequentare la sede e relativo circolo con bar aperti tutti i giorni al pomeriggio dalle 14 alle 19 con possibilità di giocare a carte e a bigliardo,guardare la TV e accedere alla biblioteca contenente circa 900 volumi,molti dei quali in dialetto e relativi alla storia della nostra città e/o provincia.

2) partecipare alle serate gastronomiche e culturali, alle gite ed escursioni e a tutte le iniziative che la Società del Sandrone organizza all'interno della propria sede.

3) dare il proprio contributo in termini di sostegno culturale per il mantenimento delle tradizioni legate al dialetto e al folklore della nostra città.

4) inserirsi nel gruppo del Burraco e partecipare a tutte le iniziative ad esso collegate.

5) Concorrere, con la modica spesa annuale di € 30, al mantenimento della Società del Sandrone che dal 1870 cerca di rendersi degna del proprio motto "Divertimento,Cultura e Beneficenza".

Per essere certi di venire inseriti nel nostro archivio soci è sufficente mettersi in contatto con la segreteria,tel.059239969, oppure segnalare la propria volontà di farsi socio utilizzando l'indirizzo di posta elettronica  " Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. "

A tutti i lettori di queste news vogliamo comunque rivolgere un cordialissimo e sandroniano saluto " Tgniv stréch atach a cla piopa ch'l a-s ciama Ghirlandèina" 

 
MODNA ( l'è bèla seimper )

La nostra Società, ritenuta giustamente depositaria delle tradizioni vernacolistiche modenesi, non può esimersi dal dedicare,sul proprio web, un omaggio in dialetto alla città della Ghirlandina. Proponiamo quindi la seguente composizione ed invitiamo i nostri visitatori a mandarla a memoria.

A peins che quand d'invéren

a cala la fumàna

s-a fóssa anch a l'inféren

a vrev sol éser chè...

L'è bèla féssa , ciunta

l'a-s tàia col curtèl

e po' mitigh da zunta

ch'l è anch un quèl specièl.

Modna l'è bèla seimper,

mò quand l'a-s mátt in tir

cun al sô col 'd fumàna

l'a-t tós fin al respir.

A-n gh'avam una muntagna

e gnanch un gázz ed mer,

dedlà da la fumana

a gh'avam al mànd intér.

Una fumàna bianca

l'è qualla ed la zitè,

la bagna apeina in tèra

cun un fer delichê.

Invece, a la Crusatta

l'è féssa come un mur

s't-e gh pog' la biciclatta

la sta drétta ed sicur.

Modna l'è bèla seimper

mò quand l'a-s matt in tir

cun al sô col 'd fumàna

l'a-t tôs fin al respir.

Bèda, però, fumàna

a-n fer la birichèina,

quàcia tótt qual che t vô

mò brisa la Ghirlandèina.

Ringraziamo di cuore per questa deliziosa " canzone " l'amico fraterno Luciano Zanasi al quale auguriamo ogni bene.

 

 
Braz curt

Dopo lunga e noiosa malattia,

ch'la gh'era già custèda un oc' dla testa,

l'alma dal corpo avaro venne via

co'gli èli e la camisa da la festa.

"Chissà,Braz Curt "- i given - " s'a g'la fà

a purter i rispèrmi là de d-là!"

 

Or,di fronte al magnifico portone

dal Palaz ed Giustezia,in Paradis:

"Parlami un po' delle tue opre buone"

al fa S.Péder cun un gran sorris:

"Al Sgnor l'è boun, e i at ed caritèe

fàt vérs al prosim, i lèv'n un mocc ed pchè!"

 

E l'alma ricordò: " Lire cinquanta

a i ho dunèe a una dànna disperèda,

un'altra volta ancor(e qui si vanta)

zèint franc a un vec',in dl'angol 'd'na cuntrèda!

Altro non so,ma cun la cungiuntura

a-n vliva brisa andèr fora ed misura!"

 

Pietro volse lo sguardo a interrogare

l'Arcanzel San Michél,ch'l'era lè ed fianc

ed ebbe quindi modo di ascoltare

i discors ed Braz Curt." Adès almanc

te'm prèe dèr un parer per presentèr

un chès acsè al Padroun:ch's'oia da fer? "

 

L'Arcangelo,terrore dei demoni,

e quindi un tip da pochi cerimoni,

tosto al Celeste Portier finì col dire:

" Seinza ciamèr in causa al Ped'r Etéren,

ridagli pur centocinquanta lire

tott in un colp, e mandel a l'Inféren! "

 

Con questa poesia di Enzo Selmi continuiamo a caricare il nostro blog con il dialetto così siamo sicuri di non essere accusati di parlare o scrivere troppo in italiano.Chiediamo solo la comprensione dei modenesi doc se rileveranno qualche errore di ortografia.Saremmo loro grati se vorranno segnalarlo.

 

 
San Zemian,mèz in dialàtt e mèz in italian

La Società del Sandrone è la culla del dialetto modenese e quindi non può esimersi dal proporre scritti in vernacolo.Cominciamo con una poesia dedicata al nostro Santo Patrono,Zemianein, come lo chiamava un grande maestro qual'era Gigi Zanfi.

San Geminiano, son venuto anch'io

a baseret al braz cun devozioun,

mi raccomando a Te e al buon Dio

e in znoc' per tèra a fagh un'urazioun.

Oh,benedici tutti i geminiani

i nov oriundi ed i mudnés arios,

siano sempre sorridenti e sani

cun tant auguri del piò bèli còs.

Guarda il Duomo,la bianca Ghirlandina,

al Cumun,la maraia dla zitè,

dona a tutti protezion divina

e ch-a sàma boun come pr'al passèe:

la gente di Sandrone a Te s'inchina:

popol,canonich,gàfi e autoritèe!

...Un'ètra grazia e dàp a-i-ho fini:

fa' che al Modna al resta in seri B!

Essendo il testo scritto in una forma semplice e piana auspichiamo che nessuno necessiti della traduzione;in ogni caso siamo a disposizione.

 
Inaugurazione del nuovo blog

Cari amici,buon pomeriggio.E' la Società del Sandrone che avendo rigenerato il proprio blog rivolge a tutti i modenesi e non un cordiale saluto e un invito a contattarci per aiutarci a migliorare la qualità di ciò che andiamo fornendo ai nostri soci.Sono in programma alcune gite per le quali è aperta l'iscrizione,fra le quali l'internazionale a Londra e Scozia.Sono ancora disponibili alcuni posti che mi auguro vengano presto occupati al fine di completare una equipe di tutto rispetto attraverso la quale portare il nostro spirito sandroniano in giro per l'Europa.

Sono aperte le iscrizioni alla Società del Sandrone,condizione essenziale per frequentare la sede e con la modesta cifra di € 30 annue ogni socio potrà partecipare alle gite,alle cene ed utilizzare la sede per trascorrere una mezza giornata con gli amici tra una partita a carte o a bigliardo.Prendere la tessera del Sandrone significa anche aiutarci a lavorare per mantenere vive le nostre tradizioni,conservare il dialetto parlato,scritto,cantato e recitato oltre a ricordare le nostre radici storiche e culturali.Per oggi un cordiale saluto dalla segreteria.

 
Inaugurazione sede restaurata

Approfittando della chiusura estiva abbiamo realizzato una impegnativa opera di restauro di alcune sale della sede sociale.

Lo sforzo si è reso possibile anche grazie al concorso della proprietà dei locali che ha così dimostrato il proprio attaccamento al sodalizio.

Con questo intervento i soci potranno fruire di svariate opportunità quali il gioco delle carte,del bigliardo.la biblioteca con oltre 700 volumi molti dei quali sul folklore e il dialetto modenesi,la lettura dei quotidiani locali nonchè l'ascolto della musica.

Le fotografie che seguono illustrano il risultato raggiunto che potrà essere completamente apprezzato soltanto con la frequentazione della sede una volta diventati soci.

Sala_Bar
Sala Bar
Sala_biblioteca
Sala Biblioteca
Sala_biliardo
Sala Biliardo
Sala_Molinari_0001
Sala Molinari
Sala_ovale
Sala Ovale
Sala_tv
Sala TV
Sala_Ugo_Preti-lato_nord
Sala Ugo Preti
 
Concorso per il miglior testo di un atto unico dialettale

In occasione dei suoi 140 anni di vita (1870-2010) la Società del Sandrone di Modena indice un concorso per il miglior testo di un atto unico dialettale, nell’intento di incoraggiare chiunque voglia cimentarsi nella stesura di un’opera teatrale, per arricchire il repertorio dei testi dialettali modenesi e rilanciare l’interesse, soprattutto tra le giovani generazioni, per questa” lingua “ che è patrimonio di tutti noi.

REGOLAMENTO

1- Il concorso è aperto a tutti, senza limiti di età;

2 – Il testo dell’atto unico dovrà essere scritto in dialetto modenese, dovrà avere una durata massima di 35/40 minuti e dovrà essere presentato su fogli dattiloscritti A4 ( all’incirca le pagine non dovranno essere più di 15 per un totale di 40 righe l’una ).

3 – L’opera dovrà essere originale, preferibilmente comica e mai rappresentata.

4 – Ogni concorrente può partecipare con un solo testo.

5 – I testi, anonimi e contrassegnati da un motto, dovranno pervenire a mezzo di posta raccomandata, in busta chiusa senza l’indicazione del mittente, in tre copie cartacee entro e non oltre il 30 – 06- 2010. All’interno della predetta busta, l’Autore inserirà una seconda busta chiusa riportante all’esterno il proprio motto e contenente le proprie generalità, l’indirizzo, il recapito telefonico e,volendo, una breve nota autobiografica.

6 – I testi verranno visionati e valutati – con parere insindacabile – da una commissione composta da tre esperti teatrali nominati dalla Società del Sandrone.La commissione sceglierà i tre atti unici ritenuti migliori che saranno rappresentati entro il 31/12/2010, nell’ambito di un unico spettacolo da una prescelta compagnia teatrale modenese. Giorno, ora e teatro da definirsi.

7 – Agli ancora anonimi Autori dei tre testi selezionati andrà un premio in denaro di € 500, uguale per ciascuno di essi.

8 – Al pubblico che assisterà alla messa in scena dei tre atti unici sarà consegnata, col biglietto d’ingresso al teatro, una scheda per votare – in ordine di gradimento – la graduatoria dei lavori rappresentati. Al termine della serata, effettuato lo spoglio dei voti, sarà comunicata la classifica al pubblico e, in presenza di esso, verranno aperte le buste chiuse contenenti i nomi degli Autori. Sarà così proclamato il vincitore assoluto del concorso e gli sarà consegnato un attestato con medaglia. Tutti i concorrenti riceveranno un attestato di partecipazione.

9 – I testi teatrali inviati non saranno restituiti.

10 – Ai sensi dell’art.10 della legge 575/96 si dichiara che i dati personali relativi ai partecipanti saranno utilizzati unicamente ai fini del concorso.

11 – La partecipazione al concorso è gratuita, ma implica la piena e integrale accettazione del presente regolamento e la concessione in esclusiva a titolo gratuito alla Società del Sandrone di Modena del diritto di pubblicare e rappresentare gli atti unici ritenuti meritevoli.

12 – Questo bando di concorso verrà pubblicizzato attraverso tutti gli organi locali di informazione del settore.

13 – Per eventuali informazioni ci si potrà rivolgere alla segreteria della Società in Modena,P.le San Domenico,6 – tel. e fax 059239969 – e/mail : Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. – sito web – http://www.sandrone.net/.

 


Pagina 2 di 2