You are here::
 
 
News
ROMANIA - Castelli e Monasteri
 
Commedie dialettali 2014

La Società del Sandrone, se pure con ritardo, comunica che  rimangono ancora due commedie da rappresentare nel contesto della rassegna " Tre siri in dialàtt " presso il teatro Sacro Cuore, in viale storchi, con inizio alle ore 21.

La prima, venerdì 17 ottobre ha per titolo " Il meglio di 30 anni di attività " e sarà portata sul palcoscenico dalla compagnia " Il buffone di corte ".

La seconda ed ultima è in programma per venerdì 24 ottobre e verrà presentata dalla compagnia " Qui'd Cadros " avente per titolo " Amor....A mor ". A proposito di quest'ultima ricordiamo che il ricavato sarà devoluto all'Associazione CUAMM - Medici con l'Africa.

L'ingresso a posto unico è di € 10 e i biglietti si possono acquistare  in segreteria (tel.059239969) o direttamente presso la cassa del teatro.

Nonostante questo disguido auspichiamo una grande partecipazione di pubblico.

 
TOUR D'Abruzzo

La Società del Sandrone vi invita nell'incantevole scenario dei monti abruzzesi ai piedi del Gran Sasso e della Maiella dove si snoderà il tour nei caratteristici paesi d'Abruzzo tra verdi parchi e pittoreschi borghi pieni di storia e di folklore.

 4 GIORNI IN ABRUZZO- 30/31 MAGGIO - 1/2 GIUGNO 2014

Programma:

Venerdì 30 maggio: Ore 6 ritrovo dei partecipanti e partenza per Loreto previa colazione Sandroniana, ove ci aspetterà un'esperta guida per illustrarci le splendide opere d'arte che il Santuario Mariano per eccellenza racchiude.Se sarà possibile incontreremo S.E. Legato apostolico e arcivescovo di Loreto.Pranzo a base di pesce.Nel pomeriggio raggiungeremo Castelli, patria della rinomata ceramica abruzzese, visita con guida e...se ci lasciamo cinvolgere potremo fare acquisti.In serata arriveremo a San Gabriele dell'Addolorata, patrono d'Abruzzo, cena e pernottamento.

Sabato 31 maggio: Prima colazione e partenza con guida per Campo Imperatore ( detto il piccolo Tibet ), un vasto altopiano tra i 1700/2000 mt sul l.m., sede di numerosi set cinematografici, coronato dalle principali vette della catena montuosa.Trasferimento nel caratteristico Santo Stefano di Sessanio per il pranzo in ristorante.Nel pomeriggio, sempre con guida, una panoramica de L'Aquila, prevalentemente sui siti esternicome la basilica di Santa Maria di Collemaggio chiusa per restauri, le reliquie di papa Celestino V.Trasferimento a Sulmona facendo sosta a San Demetrio per la visita delle bellissime grotte di Stiffe.Arrivo a Sulmona e sistemazione in Hotel per cena e pernottamento.-

Domenica 1 giugno: prima colazione in hotel, incontro con la guida e partenza per Scanno " perla d'Abruzzo" confinante a sud con il parco nazionale dell'Abruzzo,definito uno dei borghi più belli d'Italia, rientro in hotel a Sulmona per il pranzo.Pomeriggio  dedicato alla visita di Pescocostanzo, rinomata località turistica nel parco della Maiella.Rientro a Sulmona, cena tipica abruzzese in ristorante caratteristico.Pernottamento in hotel.

Lunedì 2 giugno: visita guidata alla città di Sulmona situata nel cuore dell'Abruzzo, nota in tutto il mondo per la secolare tradizione nella produzione dei confetti,(se sarà possibile visita ad una fabbrica).Pranzo in hotel.Pomeriggio partenza per Manopello,graziosissimo paesino dove si può visitare il Volto Santo.Partenza per il ritorno previa sosta ristoro e rivedremo la Ghirlandina in tarda serata.

QUOTA DI PARTECIPAZIONE: € 525 (MINIMO 35 PERSONE. - Supplemento camera singola € 70,00.

La quota comprende: viaggio in pulman G.T.-pensione completa bevande incluse-due pranzi in ristorante e una cena tipica abruzzese.-le guide e gli ingressi- assicurazione e mance...e perquindi a psì lasèr a cà al portafoi!!!

N.B. I posti vengono assegnati al momento dell'iscrizione che sarà valida al versamento della caparra di € 200,00.Saldo 8 giorni prima della partenza.

Info e prenotazioni in segreteria tutti i giorni dalle 15 alle 18-tel.059239969.. Chiusura iscrizioni il 17 maggio p.v.

" Tulì vosch la suocera....in di parco a gh'è ancàra un quelch lov in gir..."

 
Tre siri in dialàtt

Anche quest'anno, come da tradizione ormai consolidata,la Società del Sandrone organizza la rassegna di commedie dialettali intitolata " Trê sirî in dialàtt ".

Appuntamento,quindi, al teatro Sacro Cuore in viale Storchi,249 ( si ritorna alle origini ) per venerdì 11-18-25 ottobre pp.vv. alle ore 21.

Il programma dettagliato si può consultare a completamento della presente new.

Vi aspettiamo in tanti e buon divertimento.

Per scaricare il pieghevole cliccare qui.

 
Attività culturale

Anticipiamo i tempi per portare a conoscenza dei cittadini modenesi, queli che amano il dialetto o vogliono imparare ad amarlo, il programma di iniziative che daranno concretezza e contenuto alla Accademia della Modenesità.

Si tratta di una serie di conferenze che avranno luogo presso la sede di P.le San Domenico 6 secondo il seguente calendario: ( sono tutte domeniche )

13 gennaio 2013, ore 16,30 " La letteratura dialettale dagli albori all'800" Relatore il Dr.Giuseppe di Genova

20 gennaio 2013, ore 16,30 " Storia del dialetto.Considerazioni sull'antica lingua modenese dall'800 alla metà del '900" Relatore il prof.Giancarlo Montanari

27 gennaio 2013, ore 16,30 " Il dialetto: come si legge,come si scrive, come si pronuncia " Relatore prof.Ermanno Rovatti

3 febbraio 2013, ore 16,30 " La poesia dialettale: poeti del passato fino alla modernità-caratteristiche della poesia " Relatore prof.Fabio Marri

17 febbraio 2013, ore 16,30 " La poesia moderna e l'umorismo nella lingua dialettale " Relatore prof.Gino Sacchetti

24 febbraio 2013, ore 16,30 " Il teatro modenese: la storia, gli attori, gli autori, le opere " Relatore dr.Valentino Borgatti

3 marzo 2013, ore 16,30 " Il mondo della cultura contadina fra '800 e '900.Note di folklore " Relatori prof.Giorgio Rinaldi e prof.ssa Sara Prati

10 marzo 2013, ore 16'30 " Sandrone,la Società del Sandrone e la famiglia Pavironica" Relatore Giancarlo Iattici

17 marzo 2013, ore 16,30 " Cucina ricca e povera nella tradizione modenese " Relatori Sara Prati e Giorgio Rinaldi

L'invito a partecipare è lanciato dalla famiglia Pavironica con la consueta simpatia.Arrivederci al 2013

 
Messaggio lanciato ai modenesi

Cari modenesi,il carnevale si avvicina e come ormai da diversi decenni la Società del Sandrone si sta attrezzando per redigere il tradizionale " sproloquio " da regalare ai cittadini dal balcone di piazza Grande.

Per costruire al meglio per il prossimo 7 febbraio ( giovedì grasso 2013 ) tale importante momento chiediamo ai modenesi di proporci interessanti suggerimenti relativi ad avvenimenti di pubblica amministrazione locale accaduti in questo 2012 che possono esserci sfuggiti al fine di trasformarli nelle sagaci affermazioni della famiglia Pavironica da parte dei nostri esperti dialettali.

Utilizzando il nostro indirizzo di posta elettronica " Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. " contiamo di ricevere preziosi titoli che provvederemo ad elaborare.

Grazie a quanti vorranno darci una mano.Sandrone,Pulonia e Sgorghiguelo.

 
A tutti i navigatori interessati alla Società del Sandrone

Attraverso la sua postazione tecnologica la Società del Sandrone annuncia la campagna tesseramento per il 2012.

Il costo dell'adesione rimane invariato a € 30 (trenta)/anno e offre ai soci la possibilità di:

1) frequentare la sede e relativo circolo con bar aperti tutti i giorni al pomeriggio dalle 14 alle 19 con possibilità di giocare a carte e a bigliardo,guardare la TV e accedere alla biblioteca contenente circa 900 volumi,molti dei quali in dialetto e relativi alla storia della nostra città e/o provincia.

2) partecipare alle serate gastronomiche e culturali, alle gite ed escursioni e a tutte le iniziative che la Società del Sandrone organizza all'interno della propria sede.

3) dare il proprio contributo in termini di sostegno culturale per il mantenimento delle tradizioni legate al dialetto e al folklore della nostra città.

4) inserirsi nel gruppo del Burraco e partecipare a tutte le iniziative ad esso collegate.

5) Concorrere, con la modica spesa annuale di € 30, al mantenimento della Società del Sandrone che dal 1870 cerca di rendersi degna del proprio motto "Divertimento,Cultura e Beneficenza".

Per essere certi di venire inseriti nel nostro archivio soci è sufficente mettersi in contatto con la segreteria,tel.059239969, oppure segnalare la propria volontà di farsi socio utilizzando l'indirizzo di posta elettronica  " Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. "

A tutti i lettori di queste news vogliamo comunque rivolgere un cordialissimo e sandroniano saluto " Tgniv stréch atach a cla piopa ch'l a-s ciama Ghirlandèina" 

 
MODNA ( l'è bèla seimper )

La nostra Società, ritenuta giustamente depositaria delle tradizioni vernacolistiche modenesi, non può esimersi dal dedicare,sul proprio web, un omaggio in dialetto alla città della Ghirlandina. Proponiamo quindi la seguente composizione ed invitiamo i nostri visitatori a mandarla a memoria.

A peins che quand d'invéren

a cala la fumàna

s-a fóssa anch a l'inféren

a vrev sol éser chè...

L'è bèla féssa , ciunta

l'a-s tàia col curtèl

e po' mitigh da zunta

ch'l è anch un quèl specièl.

Modna l'è bèla seimper,

mò quand l'a-s mátt in tir

cun al sô col 'd fumàna

l'a-t tós fin al respir.

A-n gh'avam una muntagna

e gnanch un gázz ed mer,

dedlà da la fumana

a gh'avam al mànd intér.

Una fumàna bianca

l'è qualla ed la zitè,

la bagna apeina in tèra

cun un fer delichê.

Invece, a la Crusatta

l'è féssa come un mur

s't-e gh pog' la biciclatta

la sta drétta ed sicur.

Modna l'è bèla seimper

mò quand l'a-s matt in tir

cun al sô col 'd fumàna

l'a-t tôs fin al respir.

Bèda, però, fumàna

a-n fer la birichèina,

quàcia tótt qual che t vô

mò brisa la Ghirlandèina.

Ringraziamo di cuore per questa deliziosa " canzone " l'amico fraterno Luciano Zanasi al quale auguriamo ogni bene.

 

 
Braz curt

Dopo lunga e noiosa malattia,

ch'la gh'era già custèda un oc' dla testa,

l'alma dal corpo avaro venne via

co'gli èli e la camisa da la festa.

"Chissà,Braz Curt "- i given - " s'a g'la fà

a purter i rispèrmi là de d-là!"

 

Or,di fronte al magnifico portone

dal Palaz ed Giustezia,in Paradis:

"Parlami un po' delle tue opre buone"

al fa S.Péder cun un gran sorris:

"Al Sgnor l'è boun, e i at ed caritèe

fàt vérs al prosim, i lèv'n un mocc ed pchè!"

 

E l'alma ricordò: " Lire cinquanta

a i ho dunèe a una dànna disperèda,

un'altra volta ancor(e qui si vanta)

zèint franc a un vec',in dl'angol 'd'na cuntrèda!

Altro non so,ma cun la cungiuntura

a-n vliva brisa andèr fora ed misura!"

 

Pietro volse lo sguardo a interrogare

l'Arcanzel San Michél,ch'l'era lè ed fianc

ed ebbe quindi modo di ascoltare

i discors ed Braz Curt." Adès almanc

te'm prèe dèr un parer per presentèr

un chès acsè al Padroun:ch's'oia da fer? "

 

L'Arcangelo,terrore dei demoni,

e quindi un tip da pochi cerimoni,

tosto al Celeste Portier finì col dire:

" Seinza ciamèr in causa al Ped'r Etéren,

ridagli pur centocinquanta lire

tott in un colp, e mandel a l'Inféren! "

 

Con questa poesia di Enzo Selmi continuiamo a caricare il nostro blog con il dialetto così siamo sicuri di non essere accusati di parlare o scrivere troppo in italiano.Chiediamo solo la comprensione dei modenesi doc se rileveranno qualche errore di ortografia.Saremmo loro grati se vorranno segnalarlo.

 

 
San Zemian,mèz in dialàtt e mèz in italian

La Società del Sandrone è la culla del dialetto modenese e quindi non può esimersi dal proporre scritti in vernacolo.Cominciamo con una poesia dedicata al nostro Santo Patrono,Zemianein, come lo chiamava un grande maestro qual'era Gigi Zanfi.

San Geminiano, son venuto anch'io

a baseret al braz cun devozioun,

mi raccomando a Te e al buon Dio

e in znoc' per tèra a fagh un'urazioun.

Oh,benedici tutti i geminiani

i nov oriundi ed i mudnés arios,

siano sempre sorridenti e sani

cun tant auguri del piò bèli còs.

Guarda il Duomo,la bianca Ghirlandina,

al Cumun,la maraia dla zitè,

dona a tutti protezion divina

e ch-a sàma boun come pr'al passèe:

la gente di Sandrone a Te s'inchina:

popol,canonich,gàfi e autoritèe!

...Un'ètra grazia e dàp a-i-ho fini:

fa' che al Modna al resta in seri B!

Essendo il testo scritto in una forma semplice e piana auspichiamo che nessuno necessiti della traduzione;in ogni caso siamo a disposizione.

 


Pagina 2 di 3